close

Echo

07/04/2014

Ina

27/10/2013

Duomo di Milano

27/10/2013

Bluesound27

27/10/2013

Design Library

27/10/2013

Architectural Mapping / 2.10.2011, Siena

27/10/2013

Step09

27/10/2013

INSYRCUS – InSynchLab for Next Step festival …

25/10/2013

Architectural mapping – Notte Bianca Lecce 2 …

25/10/2013

Video Mapping su luminarie

25/10/2013

Virtual Tree

25/10/2013

Underground Trip

25/10/2013

Evo – Kernel Festival

09/09/2013

Teddy

09/09/2013

Real Mapping – InSynchLab for Next Step fest …

07/09/2013

Architectural mapping Montenegro

25/08/2013

Test cubi Brera

close

Echo

Echo è un’installazione visiva che mostra su un supporto a forma di piramide i dati rilevati e analizzati dalla rete.
Echo è un lavoro di data visualization basato sulla tecnologia dell’internet of things e si pone a metà strada tra design e arte.
L’opera nasce basandosi sul concetto di uidità dei dati interpretati organicamente in un sistema graco processuale in continuo mutamento.
L’idea è quella di interpretare visivamente le informazioni delle condizioni meteorologiche relative alla geolocalizzazione dell’installazione, ovvero alla sua posizione.
Il sistema è in grado di connettere attraverso la tecnologia, con quanto accade nell’ambiente “naturale”, rappresentando quindi un riverbero visivo delle condizioni esterne e riconnettendo simbolicamente le persone all’ecosistema.

 

icon

 

Echo is a visual installation that shows analyzed Data collected from the network. Echo is a work of data visualization based on the technology of Internet of things and is exactly half way between design and art. The PROJECT IS based on the concept of uidity of organically interpreted data in a PROCESSED graphic system.
The idea is to visually interpret the information of the meteorological condition relating to geolocation of the installation. THROUGH TECHNOLOGY the system is able to connect the viewer with what is happening in the NATURAL environment, therefore representing a visual reverb of external conditions and symbolically reconnecting
people to the ecosystem.

 

 

Download Media Press

by InSynchLab & Alegorya

 

 

close

Ina

logo_inaINTERACTIVE NATURAL AUTOMATON

PENSATA DA INSYNCHLAB E CURATA DA VOI

Il progetto “INA” vuole utilizzare il concetto dell’Internet of things applicandolo all’ambiente che ci circonda. In particolare il progetto propone un sistema di interazione a distanza con una o più piante Reali, delle quali ci si può prendere cura, restando sempre aggiornati sul loro stato di salute e crescita.

Tutto il progetto si basa su tecnologia low cost e open source, sia nella parte software che hardware.
Grazie alla scheda Arduino e ad alcuni sensori possiamo ricevere le informazioni di alcune piante come bisogno di acqua, umidità, temperatura, ecc.. e inviare questi dati a diversi social network in modo da rendere le condizioni di vita della pianta condivise con tutte le persone che decideranno di ”adottarla”.

 

Vicino alla pianta sono posizionati due sensori, quello di luce e quello relativo alla quantità di acqua presente nel terreno. Grazie a questi due dati la pianta viene monitorata costantemente sulle sue condizioni di vita. Se la pianta non riceve acqua da più di un giorno invia un tweet e un post sulla sua pagina Facebook in modo da avvisare tutte le persone che seguono la sua crescita. Queste potranno quindi mandare un comando attraverso il sito web della pianta e annaarla a distanza. Inoltre, attraverso dei controlli incrociati su previsioni meteo e sensori, “INA” può decidere in maniera autonoma di interrompere la fase di innaamento per evitare di inviare troppa acqua alla pianta.

 

I dati prelevati da un sito meteo vengono processati sempre tramite la scheda Arduino. La pianta prima di procedere con la richiesta di aiuto, verica se nel giorno successivo è in arrivo della pioggia in modo da non avvisare nessuno.

 banner_ina

Quotidianamente verranno aggiornati sia il prolo Facebook che Twitter in maniera automatica. La pianta invierà il proprio stato indicando se sta bene, la temperatura attuale e le previsioni meteo. Nel sito web personale saranno indicati tutti questi valori con delle infograche che mostreranno costantemente tutta la vita della pianta e le varie interazioni tramite social network con le persone che ne stanno prendendo cura. Il materiale utilizzato per la realizzazione di “INA” è composto da una scheda Arduino GSM per connettersi alla rete, scaricare i dati provenienti dal sito meteo www.wunderground.com e inviare post su Facebook o twittare.
I sensori utilizzati sono il Moisture Sensor, che rileva l’umidità presente nel terreno, e un sensore di luce che indica la quantità di luce dell’ambiente.
L’irrigazione automatica della pianta è gestita da Arduino attraverso un relè collegato ad una pompa d’acqua. Quando la pianta ha sete avvisa i suoi follower che dal suo sito possono attivare la pompa d’acqua no a quando l’acqua nel terreno raggiunge il suo valore ottimale.
La scheda Arduino è alimentata da un alimentatore da 12V in modo da rendere indipendente tutto il sistema senza bisogno di un computer.
Le informazioni vengono inviate all’esterno con la scheda GSM che utilizza una scheda telefonica SIM.
Lo scopo del progetto è quello di rendere “intelligente” una pianta scaricando informazioni da Internet e condividere il suo stato con più persone possibili per essere sempre curata.

 

Segui INA su Facebook: https://www.facebook.com/INAPLANT

Segui INA su Twitter: https://twitter.com/INA_plant

 

ESPOSIZIONE

7 / 13.04.2014 - Milano Green Point – Fuori Salone del Mobile 2014 – Milano.

 

Download Media Press

 

 

 

INTERACTIVE NATURAL AUTOMATON

DESIGNED BY INSYNCHLAB NEUTERED BY YOU

INA uses the concept of the Internet by applying it to the environment that surrounds us.
The whole project is based on open source and low cost technology, in both, software and hardware terms.
The project suggests a system of remote interaction between people and one or more real plants which you can take care of and always stay up to date on their health and growth. We can get information like necessity of water, humidity, temperature, etc. thanks to the Arduino shell and sensors which send data to different social networks in order to make the conditions of life of the plant visible to every person who decides to “adopt”.

Two sensors, one for light and one for the amount of water in the soil, constantly monitor its conditions.
If the plant does not receive water for more than one day it sends a tweet and a post on Facebook page to warn all the people who follow its growth. They can water it from a distance by sending a command through the website of the plant.
In addition, through cross-checks on weather and sensors, “INA” may decide independently to interrupt the watering to avoid sending too much water to the plant.
The data that has been collected from a weather site are processed by the Arduino. Before proceeding with the request for help, INA checks if the following day will be raining so it doesn’t alert users.

Facebook and Twitter profile will be updated on a daily basis automatically. The plant will send its status indicating whether it is well, the current temperature and weather forecasts.
On the personal website will be visible all the values with info graphics that will show consistently the life of the plant and various interactions through social networks with the people who are taking care of INA. The purpose of the project is to make “intelligent” plants by downloading information from the Internet and share their status with as many people as possible to be always taken care of.

 

Download Media Press

close

Duomo di Milano

InSynchLab presenta un progetto di video mapping realizzato all’interno del Duomo di Milano il 4 novembre 2013. 

Evento realizzato e coordinato da Fabbrica del Duomo (http://www.duomomilano.it/) e SBH Milano (http://www.somebeathertz.com/).
Musiche di Danilo Ballo e Valeria Caponnetto Delleani.

 

 

“History that made history” – 4 novembre 2013 – Duomo di Milano
Un grande evento, una suggestiva narrazione, il suono della Cattedrale per raccontare la forza dell’Editto di Milano e celebrare la festa per la riapertura del Grande Museo del Duomo e per il riallestimento del preziosissimo Archivio della Veneranda FabbricaDuomo di Milano

Il freddo del marmo sotto I piedi, il silenzio grave della cattedrale. Ad un tratto il buio si spezza davanti ai nostri occhi con luci danzanti, proiezioni quasi magiche, che inondano e illuminano l’interno del Duomo di Milano. Il suono di campane in lontananza, lampi, tuoni e fulmini: è l’inizio di una tempesta”.

In una terra che è naturalmente crocevia di popoli e culture, al centro di un sistema dinamico, proiettato sulla scena internazionale, Milano celebra quest’anno i 1700 anni dalla concessione dell’Editto di Costantino, atto che, più d’ogni altro, ha rivoluzionato la storia dell’uomo.

Nel solco di questo grande anniversario, la Veneranda Fabbrica, che ha costruito la Cattedrale, offre in dono alla città dell’Expo il suo più grande racconto e la rappresentazione della storia mai scritta, scesa dal Monumento, quella del Grande Museo del Duomo e del riallestimento del suo preziosissimo Archivio: una festa di profondo respiro per tutti i milanesi e che sarà celebrata il 4 novembre 2013.
Utilizzando i linguaggi universali dell’arte, la Veneranda Fabbrica, con la produzione ed il coordinamento di SBH, propone uno straordinario racconto della religione cristiana, attraverso le più avanzate tecnologie.
Per la prima volta la cattedrale simbolo della città di Milano spalanca le sue porte al grande pubblico grazie alle nuove tecnologie, con un intervento di Video Mapping.

Uno spettacolo all’avanguardia tecnologica, un vero e proprio percorso multisensoriale e un connubio fra arte, cultura e tecnologia digitale, che diventa essa stessa opera d’arte.
Le proiezioni e le vibrazioni sonore, composte appositamente sull’ampiezza di fonica del Duomo e sulle sue suggestioni acustiche, creano un’interdimensionalità spaziale e temporale, che porta il fruitore a sentirsi in un luogo senza confini, tra passato, presente e futuro.

Come casa di produzione e sviluppatrice dell’evento, SBH riunisce e congiunge elementi storici, tecnologia e nuove forme d’arte digitali, per un esperienza evocativa e capace di coinvolgere a livello emotivo e sensoriale tutto il pubblico presente. Il Video Mapping, realizzato dalla squadra di InSynchLab, è una tecnica di proiezione che trasforma qualsiasi tipo di superficie in un display dinamico tramite appositi software i quali creano delle animazioni, immagini video e giochi di luce che interagiscono con la superficie di proiezione. Si parte da una ricostruzione 3d dell’oggetto o edificio, per poi generare dei video capaci di creare incredibili effetti realistici di trasformazione strutturale e architettonica. I software utilizzati vanno dalla grafica 2d, programmi per realizzare disegni e modificare fotografie, fino a software 3d per modellare e realizzare le parti tridimensionali del modello digitale.

Le musiche originali, composte appositamente per questo evento da Danilo Ballo e Valeria Caponnetto Delleani, rappresentate dal vivo insieme a Manuel Zigante, sono state realizzate tenendo conto del riverbero del Duomo, determinante anche per la creazione del sound design. Questo è stato effettuato da Sabino Cannone attraverso la riproduzione di segnali di test, cosiddetti “sweep”, con un range di frequenza 20hz – 20Khz. Il suono della Cattedrale è stato misurato in 12 posizioni a distanze comprese tra i 5 e i 20 metri dall’altare, creando altrettanti modelli fisici di risposta all’impulso sia stereo che surround 5.0. Il riverbero presenta un RT60 di circa 15 secondi ed ha un’interessante risposta timbriccon significative componenti nel range medio.

HISTORY THAT MADE HISTORY, un evento unico nel suo genere che racconta, attraverso proiezioni e musica, il viaggio della libertà di culto della religione cristiana, il tutto nel segno dell’integrazione e del dialogo fra culture, in vista del grande appuntamento di Expo2015.

Ufficio Stampa Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano 
Via dell’Arcivescovado, 1 – I -20122 Milano
tel. +39.02.72022656, int. 269
mail: comunicazione@duomomilano.it
www.duomomilano.it

Ufficio Stampa SBH 
mail: info@somebeathertz.com
www.somebeathertz.com

close

Bluesound27

Salone Internazionale del Mobile 2012 / 17.04.2012 – 25.04.2012

InSynchLab presenta un lavoro di mapping interattivo presso Bluemilano, Via S. Sofia 27, Milano.

Cliente: Fantoni Group
Rassegna stampa: Domusweb

close

Design Library

Design Library / 11.11.2011, Milano

InSynchLab presenta un video mapping di tre quadri rappresentanti tre punti di vista o tre camere prospettiche degli oggetti di design esposti in mostra.

Cliente: De-Signum Studiolab

close

Architectural Mapping / 2.10.2011, Siena

Mapping architettonico realizzato sulla Chiesa di Santa Maria di Provenzano a Siena.

Cliente: Contrada della Giraffa.

Musiche inedite: Michele Clogiuri
Sound designer: Cristian Carpentieri

close

Step09

25 – 27.11.2011, Milano

Presso il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, in occasione di STEP09, fiera internazionale d’arte contemporanea, la Fondazione D’Ars Oscar Signorini ha presentato un progetto – site specific – di InSynchLab.

R.A. Step09 permette di visualizzare attraverso un apposito smartphone un oggetto tridimensionale posto nello spazio virtuale al di sopra del chiostro del museo. QR-Code for Art invece, si articola attraverso una serie di sculture su cui sono impressi QR-Code da decodificare attraverso uno smartphone con l’intento di produrre opere plastiche in grado di comunicare attraverso un duplice linguaggio, ovvero quello classico dell’oggetto inanimato e, quello più recente, dell’oggetto tecnologico, veicolando così messaggi nascosti e ironici sull’arte.

Cliente: Step09

close

INSYRCUS – InSynchLab for Next Step festival 2012

Chiostro dei glicini, 8-11 2012, Milano.

Video mapping narrativo in cui viene affrontato il tema dell’impiego degli animali nei circhi. Nella narrazione al carattere allegro della prima parte del video corrispondono animali “cartonati” animati come burattini che si muovono in modo meccanica sulla scena. A questi fanno da contraltare nella seconda parte del video le immagini in grafica 3d degli animali chiusi nelle gabbie: il maggiore “spessore” grafico della loro rappresentazione in cattività, aiuta ad entrare nella comprensione della loro reale condizione.

 

close

Architectural mapping – Notte Bianca Lecce 2012

Architectural mapping realizzato in occasione della Notte Bianca Lecce 2012 sulla facciata dell’Hotel Santa Chiara

sound design: Cristian Carpentieri e Luca Corcella

Thanks to Joyfull family records and Carolina Bubbico

close

Video Mapping su luminarie

Proiezioni su luminarie De Cagna in occasione della Festa patronale di Santa Domenica a Scorrano (capitale mondiale delle luminarie)

sound designer – Luca Corcella

close

Virtual Tree

Virtual Tree è una video installazione interattiva che visualizza su uno schermo una pianta virtuale; questa vivrà e crescerà a seconda del flusso dei passanti e del calore da loro emesso. Il movimento della gente viene paragonato ad un flusso, all’acqua, elemento essenziale per la vita, mentre il calore umano emesso dai passanti rappresenta il sole,fonte di energia vitale per la maggior parte degli organismi viventi. Virtual Tree farà crescere un albero virtuale, a seconda della quantità di movimento (presenza umana) e del calore termico presenti nell’ambiente. L’albero ogni giorno nascerà da una piantina e si svilupperà con il passare delle ore fino a tornare esile germoglio e morire alla fine della giornata. L’albero è stato scelto come elemento simbolo di vitalità e l’installazione rappresenta il rapporto imprescindibile tra l’uomo e l’ambiente in cui vive. In questo modo gli spettatori saranno consapevoli della propria influenza sulla vita della pianta, intuiranno indirettamente la responsabilità dell’impatto delle loro azioni sull’ambiente naturale e allo steso tempo scopriranno l’importanza della propria presenza per la riuscita, quindi per l’esistenza dell’evento al quale stanno partecipando.

Virtual Tree è stata esposta:

12 – 22.03.2009 – “E-volution” Fabbrica del Vapore, Milano (MI)
11 – 13.06.2010 – “Galaxia Medicea”, Seravezza (LU)
15 – 22.08.2010 – “Immaginari Video”, Gualdo Tadino (PG)
12 – 16.12.2010 – “AresFestival”, Siracusa (SR)
1.01 – 2.04.2011 – MM Porta Venezia, Milano (MI)
12 – 15.04.2012 – “Arte Accesibile”, Milano (MI)

close

Underground Trip

Underground Trip / 25.05.2011, Milano

Video mapping del dipinto “La Riconoscenza della Repubblica Italiana a Napoleone”, in occasione della performance Underground Trip, presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, Milano.

Cliente: Accademia delle Belle Arti di Brera

close

Evo – Kernel Festival

1.07.2011 / 3.07.2011,  Desio (MI)

Architectural mapping realizzato per il Kernel Festival 011 su Villa Tittoni di Desio

Cliente: Kernel Festival 011

close

Teddy

Il progetto Teddy è un device che permette alle persone di comunicare a distanza attraverso l’interazione fisica con due teddybears.
Il lavoro consiste in due orsacchiotti di peluches in grado di comunicare tra di loro proprio come un dispositivo mobile. Giocando con le zampe di uno dei due orsac­chiotti, l’altro inizierà a vibrare restituendo una sen­sazione affettiva alla persona che lo tiene in quel preciso istante. Stringendo uno dei due Teddy il secondo si riscalderà.

Con l’avvento dei new media, e in particolar modo con la diffusione del Web, il corpo ha perso gradualmente il suo ruolo nella comunicazione tra individui. L’opera Teddy permette di esperire il senso della vicinanza fisica e del tatto a distanza in un feedback di input e output fisici. Non solo le immagini, i suoni e le parole potranno correre attraverso la rete per avvicinare le persone come fatto fin’ora, ma con questo lavoro anche le sensazioni fisiche come il calore e il movimento. In questo modo si reintegra la dimensione emozionale ed estetica dell’interazione fisica nella comunicazione a distanza.

Teddy è stato presentato in occasione di Arte Accessibile 2012 / 12.04.2012 – 15.04.2012, Milano.

close

Real Mapping – InSynchLab for Next Step festival 2012

Real mapping: video mapping realizzato con tecniche di stop motion e animazione “manuale” utilizzando una videocamera e oggetti reali su un modellino architettonico del chiostro. Alla base del lavoro la volontà di sperimentare metodi alternativi nella creazione di video mapping che esulano dall’impiego di tecnologie digitali avanzate come 3d e motion graphic. Il recupero di tecniche di animazione tradizionale e l’impiego di soluzioni alternative, serve a dimostrare come nella realizzazione di un video mapping possa non essere necessaria una competenza tecnica specifica o complessa, apre la strada ad ulteriori possibilità di interpretazione e alla realizzazione nuovi linguaggi nel campo del mapping.

Audio: “Snow Break”, Canton

close

Architectural mapping Montenegro

Architectural mapping relizzato da InSynchLab in occasione della festa nazionale del Montenegro, nella città di Cettigne, sul palazzo di Re Nikola.

close

Test cubi Brera

Esempi di video mapping realizzati nel labororatorio del Corso di Nuove Tecnologie per l’Arte dell’Accademia di Brera, Milano.

الجامعة شات الجامعة شات بنات الجامعة شات مصري شات بنات مصر دردشة الجامعة دردشة بنات دردشة مصرية